I contribuenti minimi e forfettari sono esonerati dal 2019 dall’emissione della fattura elettronica, ma avranno l’obbligo di conservare in modalità elettronica le fatture di acquisto.

Sono alcuni chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate nel corso di un video forum organizzato dal Sole 24 Ore.

Fattura acquisti, conservazione elettronica per minimi e forfettari

I contribuenti titolari di partita iva che hanno aderito al regime dei minimi o forfettari, potranno reperire copia delle fatture acquisti all’interno dell’area riservata, sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Forfettari e minimi avranno comunque la facoltà di comunicare al cedente/prestatore un indirizzo di posta elettronica certificata dove il Sistema di Interscambio potrà inviare loro le fatture.

Quindi, fatture acquisti e bolle doganali dovranno essere conservate in modalità elettronica e non potranno più, dal 2019, essere gestite in formato cartaceo.

La fattura elettronica sarà l’unica valida dal punto di vista fiscale, mentre il documento cartaceo non avrà nessuna valenza fiscale.