Come chiudere una partita iva mai usata. E’ questo l’argomento che oggi voglio affrontare in questo articolo. Vediamo come fare e quali sono i costi da sostenere.

Voglio darti subito un consiglio. Se hai aperto una partita iva che non utilizzi, meglio chiuderla il prima possibile, perché altrimenti, anche se non fatturi dovrai in ogni caso sostenere dei costi. Quali? Inps, camera di commercio e sei anche obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi.

Come chiudere una partita iva mai usata

Chiudere una partita iva mai usata comporta una serie di adempimenti. Le comunicazioni ai vari enti (Inps, Camera di Commercio, Agenzia delle Entrate) devono essere effettuati entro 30 giorni dalla cessazione dell’attività.

Ti potrebbe anche interessare il mio articolo: chiusura partita iva retroattiva

La procedura viene effettuata, compilando l’apposita modulistica, mediante l’invio di una Comunicazione Unica al Registro delle imprese, se si tratta di soggetti obbligati all’iscrizione al Registro delle imprese.

Diversamente la comunicazione di cessazione attività viene inviata solo all’Agenzia delle Entrate. E’ il caso del libero professionista.

In entrambi i casi, puoi affidarti ad un commercialista che può trasmettere in via telematica direttamente la chiusura della partita IVA.

Se hai bisogno, nella sezione contatti trovi indirizzo email e numero di telefono del mio ufficio. Chiamami e ti darò tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Quanto costa chiudere una partita iva mai usata?

Puoi stare tranquillo non si tratta di un’operazione onerosa.

Se devi effettuare la cancellazione al Registro Imprese dovrai pagare solo i bolli (€ 17,50), oltre il compenso che spetta al commercialista incaricato per la chiusura.

Come verificare se una partita iva è aperta?

Per verificare se hai una partita iva aperta o se è stata chiusa puoi consultare il servizio messo a disposizione dell’Agenzia delle entrate: Verifica Partita IVA

Quali documenti servono per chiudere la partita iva?

Per chiudere una partita iva mai usata servono i seguenti documenti:

– Documento di identità
– Codice fiscale
– Visura camerale
– Iscrizione Inps
– Iscrizione Inail