Sembra proprio che, con la pubblicazione della legge di conversione del Decreto n.66 del 24 aprile 2014, sia stata resa definitiva la riduzione dell’Irap per i professionisti e per le imprese. La riduzione è pari a un decimo dell’aliquota ed è prevista a decorrere del periodo d’imposta 2014 e quindi per l’Irap che deve essere versata nel 2015.

Se il contribuente intende versare gli acconti Irap tenendo conto del metodo storico, non ci saranno conseguenze in seguito alla riduzione dell’aliquota. Se si vuole attuare il metodo previsionale, invece, non si potranno applicare le nuove aliquote ridotte ma si dovrà versare l’acconto Irap seguendo le aliquote che sono state previste a tale scopo. Per quanto riguarda il versamento di acconti imprese e professionisti, si dovrà applicare l’aliquota del 3,75 per centro. Per le banche il 4,5%, per le imprese agricole l’1,8%, per le assicurazioni il 5,7% e per le concessionarie il 4%. Le aliquote, che verranno applicate a decorrere del periodo d’imposta successivo dal 31 dicembre 20134, sono ridotte di un decimo rispetto a quelle che sono previste adesso. Per le imprese industriali e commerciali e per i professionisti l’aliquota sarà del 3,5%, rispetto al 3,9% attuale. Anche per le banche e per le società finanziarie l’Irap sarà del 4,2% rispetto al 4,65% in vigore attualmente. Infine le assicurazioni, rispetto al 5,9% previsto in precedenza, dovranno versare l’Irap sul 5,3% della base imponibile; le imprese agricole avranno un’aliquota ridotta all’1,7%; le concessionarie di opere come trafori o autostrade dovranno applicare il tributo regionale al 3,8%.

Per quanto riguarda la fissazione del nuovo limite per le maggiorazioni oppure le riduzioni previste dalle leggi regionali, la variabilità massima sarà allo 0,92%. In riferimento all’esercizio 2014, l’Irap da versare verrà ridotta non solo per la riduzione delle aliquote ma anche per l’incremento delle deduzioni che sono previste per le assunzioni a tempo indeterminato dei lavoratori dipendenti. Oltre alla deduzione prevista dalla Legge 147/2013 per gli incrementi occupazionali, ci sarà anche un aumento della quota fissa di retribuzione per ogni dipendente che passa a 7.500 euro. C’è da dire che, a decorrere del periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2014, è prevista anche una deduzione IRAP per  l’intero personale che è stato assunto a tempo indeterminato. La deduzione, prevista solo per un importo massimo di 15.00 euro per ogni dipendente assunto e, in generale, fino all’incremento del costo del personale, sarà usufruibile per l’anno di assunzione e per i due successivi.