partita-iva-superminimiAncora un dubbio sulla mera prosecuzione.

Un lavoratore dipendente che decide di intraprendere anche un’attività autonoma, magari simile all’attività svolta come lavoratore, senza però risolvere il contratto di lavoro, può aderire al regime dei minimi 2012? E la mera prosecuzione?

Questa è una domanda che mi rivolgono in parecchi. Rispondere non è facile, anche luce della corposa mole di normativa prodotta finora.

Tuttavia, considerando gli ultimi provvedimenti dell’Agenzia delle Entrate e diverse interpretazioni di giuristi e colleghi dottori commercialisti, si può dare una risposta che, per il lavoratore, è sì. Sempre, inteso, che siano rispettati tutti gli altri requisiti.
Infatti, anche se l’attività svolta sia simile, c’è da evidenziare il fatto che il lavoro dipendente non è cessato, e che, quindi, non si può sostenere che ci sia un’ipotesi di mera prosecuzione, in quanto non è avvenuto alcun passaggio dalla prima attività alla seconda.

E vi ricordo, a tal proposito che, la mera prosecuzione è ravvisabile quando la nuova attività e quella svolta in precedenza presentano lo stesso contenuto economico o si fondono sulla stessa organizzazione di mezzi e svolgimento. In questo caso, non c’è un’attività svolta in precedenza.

Ad ogni modo, vi ricordo che l’applicazione va verificata caso per caso e che la disposizione ha carattere antielusivo, essendo finalizzata ad evitare gli abusi dei contribuenti “che potrebbero avere interesse a continuare l’attività precedente ma non come lavoratori dipendenti, bensì come autonomi, al solo fine di godere delle agevolazioni tributarie previste dal nuovo regime”.

Sempre sull’argomento vi rimando ad un interessante articolo che tratta la doppia contribuzione inps: dipendente e partita iva inps