In un precedente articolo avevamo sollevato il problema del recupero delle ritenute d’acconto subite da quei contribuenti che hanno aderito nell’anno 2012 al regime dei contribuenti minimi. Si veda l’articolo “come recuperare ritenuta d’acconto minimi“.
Infatti, in seguito alla soppressione del rigo ove indicare la ritenuta subita, si poneva il problema di come recuperare in Unico pf 2013 la ritenuta. Si erano fatte perciò varie ipotesi, tutte però azzardate.
La soluzione più percorribile e corretta era quella di presentare un istanza di rimborso, soluzione però che avrebbe allungato i tempi.
Puntualmente è stata pubblicata ieri 5 luglio una risoluzione dell’agenzia delle entrate numero 47/E.
La risoluzione però prende in esame solo la ritenuta del 4% subita dai superminimi sui bonifici in seguito a ristrutturazione edilizie. Non vengono perciò prese in considerazioni altre fattispecie, come per esempio la ritenuta d’acconto subita in seguito al pagamento dell’indennità di maternità, su cui la relativa cassa applica la ritenuta d’acconto.
Si spera in un ulteriore chiarimento circa gli altri casi.
Intanto la risoluzione 47/E specifica il modo per recuperare velocemente le ritenute subite dalle banche sui bonifici.
Per far ciò si dovrà compilare con il codice «1» il campo «situazioni particolari», collocato nel frontespizio del riquadro «firma della dichiarazione», e riportare le ritenute relative ai bonifici, nel rigo RS33 e contemporaneamente nel rigo LM13.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy