Ci siamo quasi. Stanno arrivando le società che potranno essere costituite con un solo euro. “Senza notaio”, come qualcuno le ha chiamate. Si dovrà attendere solo l’emanazione del decreto ministeriale che definirà il modello standard dell’atto costitutivo, e tutto sarà pronto.

Le Società a responsabilità limitata semplificata, costituite con atto unilaterale da persone fisiche, devo essere fatte da persone che non hanno compiuto i 35 anni di età alla data di costituzione della stessa società. Ma che succede se un socio perde il requisito anagrafico? Vediamo di chiarire. Forse…

Nella prima versione della norma si prevedeva l’esclusione di diritto del socio, anche se la società era stata trasformata in un’altra tipologia. Se tutti i soci poi perdevano il requisito anagrafico, la società si scioglieva. Nella versione attuale, quella dalla legge di conversione del dl n. 1/12, è previsto solo che la cessione delle quote per i soci non aventi i requisiti di età sia vietata. E nulla si dice su un eventuale scioglimento o trasformazione.

Interpretando la norma, tuttavia, il requisito anagrafico è richiesto solo alla “data di costituzione” della srls. E visto che poi, non si parla più del requisito anagrafico, ciò potrebbe portare alla considerazione che non riveli più dopo che la società è stata costituita.

Ad ogni modo, il decreto ministeriale dovrebbe fugare i dubbi in questione.