La bozza sul decreto che racchiude anche la nuova normativa sulle ssrl, le Società Semplificate a Responsabilità Limitata, dovrebbe essere vagliata nella settimana dal Consiglio dei Ministri.

Diverse le novità previste, a partire dall’abbattimento del limite dei 35 anni.

Nella bozza, infatti, è previsto l’accesso alla s.r.l. semplificata anche ai soci con età superiore ai 35 anni. Addio anche al quarto comma dell’art. 2463-bis del C.C. che inibiva la cessione di quote a soggetti con età superiore a 35 anni.

Altre novità riguardano lo statuto che dovrà conformarsi a quello previsto per le srl: le clausole diverse saranno considerate nulle.

Viene anche confermata l’esenzione dagli oneri notarili per tutti gli atti costitutivi; i diritti di bollo sono esclusi a condizione che i soci abbiano meno di 35 anni; ripristinati, invece, i diritti di segreteria (92 euro). E non sono previste agevolazioni fiscali nei primi anni di attività della società.

Share →

8 Responses to Srl a 1 euro: eliminato il limite dei 35 anni per le ssrl. Le novità contenute nella bozza

  1. Maurizio scrive:

    Lettera inviata alla Presidenza della Repubblica
    Al Presidente della Repubblica,

    Caro Presidente le invio questa mail nella speranza che qualcuno intervenga!
    Sono un giovane laureato Under 35, che aspetta ormai invano da Gennaio 2012 la possibilità offerta dal governo di attivare una srl semplificata a costo di 1 €.

    Le riassumo in poche righe la questione:

    Ecco la cronologia di questa, per adesso, “araba fenice” normativa. 24 gennaio 2012 decreto legge che consente, solamente agli under 35, la costituzione di “società semplificate a responsabilità limitata”. 24 marzo il DL viene convertito in legge ed entra in vigore il giorno successivo. Entro due mesi è atteso il provvedimento interministeriale col modello standard dell’atto costitutivo della ssrl. Ma il 25 maggio nella Gazzetta ufficiale non c’è traccia della norma.

    Adesso io mi chiedo come è possibile che non vengano rispettate delle scadenze indicate in un decreto legge e come è possibile che le varie chiamate ed email che ho effettuato ai vari ministeri nessuno mi ha saputo dare una risposta, si giocava allo scarica barile come succede sempre in Italia.

    La gravità della questione si può riassumere con il blocco dell’attività imprenditoriale giovanile, perchè migliaia di giovani come me, nel sapere che in poco tempo ci sarebbe stata la possibilità di aprire una srl semplificata senza i costi della tradizionale srl finisce che non apre ovviamente nè una nè l’altra con il conseguente blocco di tutta l’attività imprenditoriale giovanile.

    Spero che almeno Lei mi dia una risposta o meglio ancora interroghi qualcuno sulle responsabilità di questo incredibile ritardo.

    Grazie mille e distinti saluti
    Un giovane cittadino italiano che da l’ultima possibilità al suo paese prima di andare via

  2. ANTONIO scrive:

    GRAZIE,PER QUELLO CHE HAI SCRITTO,LO SOTTOSCRIVO IN PIENO.

  3. Felice scrive:

    Sottoscrivo anch’io. Sono bloccato praticamente da gennaio, aspettando Godot…

  4. Federico scrive:

    concordo in pieno; altro che sviluppo, hanno bloccato tutto perchè tanti come noi non aprono nè srl nè ssrl. anche io stò cercando di partire da febbraio ma putroppo sono bloccato e stò perdendo diverse opportunità di avviare l’azienda. w l’italia e w un governo che predispone delle belle riforme che putroppo rimangono però dopo oltre 5 mesi pura teoria.

  5. Maurizio scrive:

    Possibile che nessuno si rende conto che è la terza volta che il governo si pubblicizza con questa famigerata srl semplificata, ma sembra che nessuno sappia che ad oggi nessuno la può aprire, perchè non esiste uno statuto standard…ovvero avrebbe dovuto esserci dal 24 maggio, scadenza del termine di 60 gg dato dal decreto legge del 24 marzo, ma il tempo è scaduto da più di 10 gg i tempi non sono stati rispettati ma nessuno interviene, solo due onorevoli si stanno interessando alla vicenda definita da noi Kafkiana… i due onorevoli (F. Laratta e A. Schirru) hanno fatto un’interrogazione scritta al governo, ad oggi ovviamente senza risposta. Invito voi giornalisti ad essere più attenti alle informazioni che date e a quelle che non date. le interrogazioni dei due onorevoli le trovate su http://www.aladinpensiero.it

  6. Maurizio scrive:

    E’ stato creato un gruppo su facebook entrate tutti a far parte riusciremo in questo modo a far circolare le notizie più velocemente. Grazie
    https://www.facebook.com/groups/186181194843889/

  7. robi scrive:

    SONO AMAREGGIATO E DELUSO NEL CONSTATARE CHE A TUTT’OGGI
    NON SIA ANCORA STATO EMESSO IL DECRETO ATTUATIVO,
    IO CHE LO ATTENDO PER INIZIARE LA MIA ATTIVITA’

  8. andrea scrive:

    questo governo del cazzo non a liberalizzato nulla x la costituzione srl a unsolo euro non a mai emesso il decreto attuativo forse a avuto lo stop dai notai– i taxi sono i piu costosi d’europa in tutti i paesi chi vuole acquistare un taxi e lavorare puo farlo tranquillamente. l’unica cosa che a fatto in due giorni ede emesso subvito il decreto attuattivo e stato ml’inasprimento delle tasse imu sui cappannoni e terreni all’agricoltura – del ridiminsionamento degli stipendi dal capo polizia e giu di lim ne anno parlato un solo giorno poi giornali televisioni stop. AVANTI SAVOIA per chi vuole fare impresa in italia deve solo aspettare che cada l’euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy