rottamazione-ruoli-fino-a-2000-euroLa rottamazione dei ruoli fino a 2000 euro fa la sua comparsa nella Gazzetta Ufficiale n.142 del 23.06.2015, rendendo effettivo in termini di legge quanto previsto dal decreto attuativo n.228 del 2012. Novità importanti soprattutto circa le modalità di trasmissione dell’elenco delle quote annullate in automatico, se presenti alcuni requisiti.

Rottamazione dei ruoli e modalità da applicare sui ruoli sulla base degli importi considerati

Il nuovo provvedimento circa la rottamazione automatica dei ruoli con somme fino a 2000 euro, è intervenuto innanzitutto circa le modalità da attuare per la trasmissione di un elenco agli enti interessati, al fine di favorire anche una eliminazione delle somme dalle scritture contabile e restaurare l’intera posizione dei ruoli fino a 2000 euro.

Mentre per le somme superiori ai 2000 euro (e resi comunque esecutivi fino al 31 dicembre 1999) le modalità attualmente previste, sono di ritorno in termini di disponibilità agli enti titolari del diritto di credito.

Quali ruoli potranno essere automaticamente annullati?

Nello specifico il decreto attuativo n. 228 del 2012, stabilisce che tutti i crediti con importi fino ai 2000 euro saranno in automatico annullati, se resi esecutivi entro la data del 31 dicembre 1999. Tale somma deve tra l’altro essere riferita ad un importo complessivo del ruolo, conteggiando non solo il capitale dovuto ma anche sanzioni ed eventuali interessi maturati per ritardata iscrizione.

Spetterà inoltre all’agente di riscossione provvedere all’invio telematico dell’elenco delle quote e senza oneri amministrativi aggiuntivi per l’ente creditore per l’eliminazione dalle scritture contabili. Deve inoltre essere stabilito con riferimento alle quote superiori ai 2000 euro, se le stesse sono state già riscosse, rateizzate o oggetto di procedure esecutive, in modo da formare degli elenchi chiari con i dati dei debitori da trasmettere telematicamente.

In tutti gli altri casi, le quote non saranno annullate e resteranno nella gestione dell’agente di riscossione. Spazio infine anche ad un rimborso da parte di Equitalia per le eventuali spese sostenute sulle procedure esecutive avviate, se riferite a ruoli esecutivi entro il 31 dicembre 1999.

In generale quindi per conoscere se si è interessati alla procedura di annullamento delle quote avviate da Equitalia, è importante controllare:

  • Il contenuto del decreto attuativo n. 228 del 2012 circa le modalità in cui le quote possono essere annullate.
  • Il contenuto della nuova pubblicazione in Gazzetta Ufficiale sulla rottamazione dei ruoli.
  • Gli importi dei ruoli e delle cifre inferiori o superiori ai 2000 euro
  • Per le cifre inferiori ai 2000 euro, è necessario sommare il capitale dovuto, sanzioni ed  interessi, mentre il provvedimento è relativo solo ai ruoli esecutivi fino al 31 dicembre 1999.
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy