È facile sbagliare. In questa giungla di conti e indicazioni, non è difficile commettere degli errori nel calcolo dell’IMU. La circolare del Ministero e le altre indicazioni fornite, dettano le procedure da seguire. Ma errare è umano. E che succede se si versa di più? Succede che si può chiedere un rimborso. E sono molti i comuni che si stanno già attrezzando per assolvere a questa esigenza, a quanto pare, molto sentita.

Ma come effettuare la richiesta il rimborso IMU?

Il rimborso per l’imposta municipale si chiede inviando una raccomandata A/R al Comune, ed è possibile farlo entro 5 anni dal giorno dell’avvenuto versamento (art. 1, c. 164, L. 296/2006).

Si ricorda, poi, che l’alternativa alla richiesta di rimborso è la compensazione delle somme a credito.