Come anticipato nei giorni scorsi, è stato aggiunto un ulteriore requisito per l’accesso al nuovo regime forfetario che farà il suo debutto dal 01° gennaio 2015.
Infatti, per l’accesso al nuovo regime deve essere verificata un ulteriore condizione e cioè che i redditi d’impresa o di lavoro autonomo devono essere prevalenti rispetto a quelli di lavoro dipendente o da pensione percepiti. Tale verifica non deve essere effettuata se la somma dei due redditi non eccede 20mila euro e qualora il rapporto di lavoro è cessato. La verifica deve essere effettuata sui redditi dell’anno precedente l’accesso.
Tale condizioni va ad aggiungersi alle altre (vedi qui).
Tutto invariato per il resto. La tassazione sale dal 5 al 15% e la base imponibile su cui calcolare l’imposta viene determinata applicano dei coefficienti di redditività che variano in base all’attività.
Confermata anche la possibilità per quei contribuenti attualmente nel regime dei minimi di restare nel regime fino alla naturale scadenza.

Tagged with →  
Share →

5 Responses to Regime forfetario 2015, altro requisito da rispettare

  1. Carlo scrive:

    Buonasera,

    il limite dei 15.000 euro per intermediari del commercio e professionisti non è stato portato a 20.000 in Senato, vero?

    Caso: aperta partita iva con regime dei minini fine 2010, quindi 2015 dovrebbe verificarsi l’uscita dal regime agevolato, ma se si rispettano i requisiti del nuovo regime si accede al nuovo, giusto? mi sembra di capire che si tratta di un regime naturale nel momento in cui vengono rispettati tutti i requisiti.

    Grazie
    Carlo Dalessandro

    • Cristian Marra scrive:

      Ad oggi non c’è stato nessun aumento dei limite dei 15mila euro per i professionisti.
      Il nuovo regime forfetario è un regime naturale, questo vuol dire che se si rispettano i requisiti di accesso, il contribuente può aderirvi. Quindi la risposta al suo quesito è positiva.

      • Carlo scrive:

        La ringrazio, gentilissimo come sempre.

        • Carlo scrive:

          Gentile Dott. Marra,

          io ho aperto p.iva regime dei minimi il 6 giugno 2014 come procacciatore di affari. Il limite di ricavi per gli intermediari del commercio con il nuovo regime forfetario è di 15.000 Euro. Per poter mantenere il vecchio regime dei minimi e non andare automaticamente nel nuovo forfetario devo quindi aver incassato più di 8.560 Euro nel 2014 (limite 15.000 ragguagliato ai giorni di attività), è giusto?

          Grazie infinite

          • Cristian Marra scrive:

            Salve Carlo,
            per restare nel regime dei minimi anche nel 2015 deve rapportate il limite di 30mila euro, non 15mila; nel suo caso quindi il limite sarà 17.500 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy