La nuova disciplina sui prossimi regimi agevolati in partita Iva comincia sempre più a delinearsi, mediante nuovi elementi che il Governo Italiano sta valutando di inserire nella prossima legge di stabilità. Niente rinnovo per il 2016 del regime di vantaggio ed entrata in vigore del solo forfettario per imprenditori individuali e lavoratori autonomi in possesso dei requisiti di legge, tra le possibili novità.

Le nuove modalità di applicazione del forfettario 2016 sulle partite Iva agevolate

La nuova legge di stabilità presenterebbe quindi importanti novità per imprenditori individuali e lavoratori autonomi con ricavi minimi e che vogliono presentare una richiesta di adesione al regime agevolato.

Se infatti fino a tutto il 2015, era possibile scegliere tra il regime dei minimi (con aliquota sostitutiva del 5% e limite fatturato di 30.000 euro) e regime dei forfettari (con aliquota sostitutiva del 15% e limite fatturato di 15.000 euro) dal prossimo 2016 non dovrebbe essere più presente questa nuova scelta.

Oltre all’approvazione di un unico regime di vantaggio per le partite Iva, la nuova legge di stabilità, potrebbe contenere importanti novità circa le modalità di applicazione del forfettario 2016 e in particolare:

  • Utilizzo di una imposta del 5% e non del 15% per i primi cinque anni per facilitare l’avvio della nuova attività.
  • Limite dei fatturati ad un nuovo valore di 30.000 euro (simile cioè al vecchio regime dei minimi).
  • Adesione al nuovo regime agevolato anche da parte di pensionati o lavoratori dipendenti con redditi non superiori ai 30.000 euro (con riferimento all’anno precedente di richiesta al nuovo regime).

I nuovi punti di forza del regime unico forfettario dal 2016

In pratica con l’entrata in vigore di un solo regime sulle partite agevolate, ci sarebbe l’intenzione di intervenire su alcuni limiti del forfettario e per cercare di rendere più conveniente l’adesione anche a tale regime per lavoratori autonomi e imprenditori individuali.

Ad esempio il vecchio fatturato di 15.000 euro, era considerato molto basso dagli interessati ad aprire una nuova partita Iva, segnando un freno verso il nuovo regime e alla scelta del regime dei minimi (che invece nel 2015 doveva essere solo di passaggio). Stesso discorso per quanto attiene l’aliquota sostitutiva del 15%, considerata come freno per un’attività agli esordi e che invece con un’aliquota ridotta del 5% potrebbe essere più accessibile.

Altra modifica rilevante, infine, è per i pensionati e i lavoratori dipendenti con redditi minimi sotto i 30.000 euro, che secondo le vecchie regole del forfettario, dovevano rispettare nell’anno precedente, una prevalenza dei redditi d’impresa sui redditi da lavoro e che invece nel caso di approvazione delle nuove regole, dovranno solo considerare come limite il fatturato dei 30.000 (e non anche quale delle due attività è prevalente).

Tagged with →  
Share →

2 Responses to Regime dei minimi con tassazione al 5% anche nel 2016

  1. Anna Maria scrive:

    Buongiorno,
    vi scrivo perché ho un dubbio riguardo il tema delle detrazioni e deduzioni di cui è possibile beneficiare con partita iva in regime dei minimi. La partita iva l’ho aperta a giugno 2014.
    Precedentemente, ad aprile, ho effettuato n. 1 prestazione occasionale (circa 2.000 euro) e da giugno a dicembre ho effettuato alcune fatture verso professionisti e privati (circa 7.000 euro totali).
    So che col regime dei minimi non è possibile “scaricare” spese che non siano professionali, ad esempio le spese mediche. Però mi chiedo: le spese mediche sostenute precedentemente all’apertura della partita iva, non è possibile
    scaricarle “collegandole” alla prestazione occasionale effettuata ad aprile?

    Grazie in anticipo e buona giornata.
    Anna Maria.

    • Cristian Marra scrive:

      Buonasera,
      i contribuenti in regime dei minimi, possono scaricare gli oneri detraibili (spese mediche, interessi su mutui) solo in presenza di altri redditi soggetti
      ad Irpef, quindi come nel suo redditi da prestazione occasionale.
      Risposta quindi positiva. Può dedurre le spese mediche sostenute sia prima che dopo l’apertura della partita iva, quindi tutte quelle dell’anno solare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy