licenziamento-dipendenti-per-riduzione-orario-di-lavoroDopo gli importantissimi interventi del Jobs Act come l’obbligo di modalità telematiche per la presentazione delle dimissioni o sanzioni maggiori a carico dell’azienda per i lavoratori senza un regolare contratto, è intervenuta anche una recente sentenza sulle modalità entro cui poter eseguire un licenziamento per giusto motivo.

Si tratta della sentenza numero 21875 di Ottobre 2015 della Cassazione, intervenuta su un licenziamento illegittimo di una dipendente che aveva rifiutato una riduzione del proprio orario lavorativo.

I contenuti della sentenza numero 21878 del 27 Ottobre 2015 sui requisiti per un licenziamento legittimo

La sentenza numero 21875 del 27 ottobre 2015, è intervenuta in particolare su una casistica in materia di  licenziamento di un dipendente per giusta causa, applicando l’annullamento di quanto applicato in azienda ad una lavoratrice che aveva rifiutato il passaggio del suo rapporto di lavoro da un contratto full time a part time e che era stata oggetto del successivo licenziamento.

Secondo i contenuti della suddetta sentenza, infatti, una riduzione dell’orario lavorativo di un dipendente per motivi organizzativi e successivo licenziamento in caso di rifiuto del lavoratore, non può essere sufficiente per legittimare il licenziamento. Questo perché diversi riferimenti normativi nazionali e comunitari, richiedono per il datore di lavoro di dimostrare comunque la presenza di esigenze economiche e organizzative reali in azienda e che non permettono di poter continuare a garantire un orario a tempo pieno dei propri dipendenti.

Sentenza numero 224 del 2013 della Corte Costituzionale sui requisiti per un licenziamento legittimo

Sempre a conferma della impossibilità dell’azienda di licenziare un lavoratore per un rifiuto al passaggio ad un contratto a tempo part time, si è pronunciata anche una ulteriore sentenza della Corte Costituzionale sulla trasformazione del rapporto di lavoro del dipendente di tipo unilaterale, sostenendo che è necessario considerare delle reali e serie esigenze organizzative per la riduzione dell’orario lavorativo e in assenza delle stesse, è possibile opporsi al licenziamento.

In definitiva, l’azienda laddove abbia delle particolari esigenze organizzative, può richiedere ai propri dipendenti il passaggio ad un diverso orario lavorativo e per la precisione da full time a part time, ma è anche necessario provare tali elementi.

Da parte sua, invece, il lavoratore, può impugnare il licenziamento laddove dimostri che non siano presenti delle reali esigenze organizzative in azienda che attestino tale modifica al lavoratore e relativo licenziamento in caso di rifiuto. Vi è infine, anche un recente processo di riforma del lavoro da parte del Jobs Act, per prevedere delle maggiori tutele sui rapporti di lavoro tra datore di lavoro e azienda e sul termine legittimo del rapporto contrattuale.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy