Buongiorno Dott. Marra,
sto per aprire partita iva per la vendita di infoprodotti, più nello specifico si tratta di ebook. Inoltre, sviluppo siti web, gestisco campagne su facebook ads e adwords. Ho anche diversi siti web e mensilmente ricevo l’assegno di Google Adsense. Devo dichiarare questi introiti? Ho sentito 3 commercialisti, per uno sono libera professionista (gestione separata inps), per uno impresa artigiana, per un altro impresa con iscrizione alla cassa commercianti. Io temo che nessuno dei tre sappia quel che dice. Vorrei avere un suo parere in merito ed eventualmente un preventivo per regolarizzare la mia posizione. Ringrazio anticipatamente.

Affiliate marketing e partita iva
Quello che vedete èvendere-infoprodotti-partita-iva solo una delle tante email che ricevo ormai sempre più con una certa frequenza. C’è sempre tanta confusione e tanta personalmente ne leggo sul web. Molti mi chiedono se devono aprire la partita iva o possono almeno inizialmente evitarla perché, essendo all’inizio, non sanno bene quanto possa essere per loro l’attività redditizia. Su molti siti si legge che non si è obbligati ad aprire la partita iva se gli introiti sono inferiori a 5000 euro, ma non è proprio così.

Voglio subito essere chiaro e mettere in evidenza un concetto fondamentale. Qualunque sia l’attività che svolgi sul web (vendita infoprodotti, guadagni Adsense, affiliazioni), se la svolgi con una certa continuità e professionalità devi aprire partita iva anche se guadagni 100 euro. Non esiste nessun limite economico sotto il quale non sei obbligato. Qualunque altra soluzione che ti verrà proposta o che leggi sul web non è la soluzione che ti permettere di essere in regola con il fisco. Vediamo allora di fare un pò di chiarezza su partita iva, tasse da pagare e dichiarazione dei redditi.

Iniziamo con gli infoprodotti.
Sicuramente sapete bene di cosa parlo. Gli infoprodotti sono dei beni digitali venduti tramite un sito web, per esempio un ebook, che tratta un determinato argomento. Io stesso appassionato di web ed iscritto a molti gruppi e newsletter ne ho scaricati parecchi. Ci sono ebook che parlano di SEO, c’è il consulente marketing che vende un corso su come gestire una campagna facebook ads o adword, ecc….

Aspetti fiscali della vendita di infoprodotti
Come sappiamo un infoprodotto viene venduto sul web. In questo caso non c’è la spedizione materiale del bene, ma il prodotto digitale, dopo essere stato pagato viene subito reso disponibile sul proprio pc. Si tratta quindi di e-commerce diretto. Schematizzando occorre:
1) Aprire partita iva – codice ateco 47.91.10
2) Iscrizione Camera di Commercio – costi 35,50€ (bolli e diritti di segreteria) – diritto annuale 53€
3) Presentare SCIA in Comune (è discrezione del comune applicare o meno dei diritti di segreteria per il protocollo della pratica).
4) Iscrizione Inps e pagamento dei relativi contributi pari a circa 3600 euro annui.
Per ridurre al minimo i costi, requisiti permettendo, puoi aderire al regime forfettario. Paghi un imposta fissa del 5% per i primi cinque anni e puoi beneficiare di una riduzione inps del -35%. E’ importante che tu sappia che in questo regime non puoi scaricare nessun costo inerente l’attività perché in questi regime fiscale i costi sono forfetizzati (si applica un coefficiente di redditività). Ti faccio un esempio per capire quante tasse paghi. Supponiamo che fatturi 7.000 euro. Avremo quindi:
Fatturato 7.000 euro
Coefficiente redditività 40%
Inps 3600-riduzione 35%= 2.340
7000*40%= 2.800 – 2340= 460*5%= 23 tasse da pagare
Ricapitolando su 7000 euro di fatturato paghi 2340 (inps) + 23 (tasse)= totale € 2363
C’è da aggiungere anche che se hai già un lavoro da dipendente, versi già i contributi in busta paga, quindi potrai risparmiare 2340 euro. Per maggiori approfondimenti su questo tema di rimando al mio articolo: Dipendente e partita iva.
Tutto chiaro? Domande?

Affiliazioni e Adsense
Ho già trattato sul mio blog il tema di come dichiarare i guadagni di Google Adsense. Dal punto di vista fiscale, regolarizzare le entrate di adsense o affiliazioni varie non cambia nulla. Si tratta sempre di un attività imprenditoriale, e devi quindi adempiere a tutti gli obblighi fiscali richiesti a una qualsiasi attività tradizionale, e cioè:
• apertura della Partita Iva – codice ateco 73.11.02
• iscrizione alla Camera di Commercio
• Iscrizione all’INPS (Gestione Commercianti)
Per questo tipo di attività è previsto un coefficiente di redditività del 78%. Quindi fatturando per esempio 7.000 euro pagherai: 7.000*78%= 5.460- 2340 (Inps)= 3120*5%= € 156 tasse da pagare
Ricapitolando su 7000 euro di fatturato paghi 2340 (inps) + 156 (tasse)= totale € 2496
Se non è chiaro qualcosa lascia un commento proverò a risolvere i tuoi dubbi.

Guadagni inferiori a 5000 euro. Serve la partita iva?
L’affiliazione può essere considerata un’attività occasionale e, in quanto tale, non comportare l’obbligo di apertura della Partita Iva? La risposta è no e l’ho spiegato all’inizio del mio articolo.
L’Affiliate Marketing, svolto in maniera professionale e continuativa, legata a un sito web o a un blog che è attivo 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno e genera costantemente ricavi, seppur minimi, non può essere certamente considerata attività occasionale. Non ci sono limiti di introiti al di sotto dei quali non si è obbligati ad aprire la partita iva.

Conclusioni
Spero davvero di averti chiarito le idee e aiutato a comprendere come stanno effettivamente le cose tra il Fisco italiano e l’Affiliate Marketing. Personalmente cerco sempre di tenermi aggiornato su un argomento inadeguatamente regolamentato e che lascia spazio a diverse interpretazioni.

Se vuoi avviare l’attività e hai bisogno di una consulenza personalizzata puoi tranquillamente contattarmi. Insieme troveremo la soluzione migliore in base alle tua situazione.