Slitta l’IMU sui terreni agricoli di montagna, che sarà rinviata a giugno 2015. L’imposta era stata introdotta con una circolare del ministero delle Finanze che prevedeva anche per i Comuni sotto i 600 metri l’obbligatorio di riscuotere l’IMU per i terreni di montagna.

La scadenza era fissata per il 16 dicembre, ma le proteste degli amministratori hanno fatto sì che il governo decidesse di rinviare il tutto a giugno del prossimo anno.

L’IMU sui terreni montani, quindi, sarà compresa nella nuova tassa locale unica che il governo ha promesso di varare nel 2015.

Ricordiamo che il decreto aveva diviso i Comuni in tre fasce, sulla base dell’altitudine al centro: esenzione totale per altitudine superiore a 600 metri, mentre fra 281 e 600 metri l’IMU avrebbe evitato solo i terreni posseduti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali e nei Comuni fino a 280 metri avrebbe invece coinvolto tutti.

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy