Nella normativa che disciplina l’IMU prevede che l’agevolazione d’imposta sull’abitazione principale sia applicata solo se si rispetta il duplice requisito: dimora-residenza. Ovvero, che si ha la dimora abituale e la residenza anagrafica nell’immobile.

In altre parole, l’applicazione dell’aliquota IMU dello 0.4%, con le relative detrazioni, decorre dal momento in cui si ha residenza anagrafica e dimora abituale nella stessa casa.

Per il periodo scoperto, invece, si calcola l’IMU applicando l’aliquota ordinaria (0.76%). E la detrazione deve essere rapportata al periodo dell’anno in cui sono stati presenti entrambi i requisiti.

Quindi, esprimendo il calcolo in dodicesimi e considerando che il mese scatta quando si raggiungono i 15 giorni.

Tagged with →  
Share →

9 Responses to IMU e cambio di residenza: come si calcola l’IMU in questi casi? E le detrazioni? I dettagli

  1. Mauro Tarantino scrive:

    Ho rogitato i 2/5 e cambiato residenza il 16/5. Come mi devo regolare? Immagino che devo considerare la vecchia abitazione come principale per 5 mesi (fino a tutto maggio)) e seconda casa per 7 mesi (dal primo giugno), mentre la nuova dovrebbe essere principale per 7 mesi (dal primo giugno) e seconda casa per un mese. E’ così?

    • Francesco Forestiero scrive:

      Deve considerare la data del 16/5. Dal giorno in cui è residente è dimora, l’abitazione diventa prima casa

  2. Antonio Martino scrive:

    Salve. Ho acquistato la prima casa il 27/6/2012, spostato la residenza il 27/7/2012 (prima del rogito ero in affitto). A breve nascerà mio figlio (primi giorni di settembre). Vorrei sapere come calcolare l’Imu per la prima casa (o seconda, fino al cambio residenza), e come valutare la detrazione per figlio a carico.
    Quindi, nel 2012, seconda casa per il mese di giugno, cambio residenza da fine luglio, nascita figlio a settembre.
    Grazie

  3. Fabio Simeone scrive:

    Buongiorno.
    Sono proprietario di appartamento come seconda casa
    No ho pagato l’imu prima rata e conto di pagarla con ravvedimento operoso.
    Nel frattempo ho cabiato residenza e sono verso la metà di agosto 2012 e quindi l’appartamento di cui sono proprietario è diventata prima casa. Inoltre ho due figli a carico
    Qual è l’aliquota da applicare per il pagamento della prima rata in ravvedimento operoso e delle successive?
    Grazie

  4. giuseppe vanacore scrive:

    Buonasera, ho cambiato residenza il 31/08 nella casa dove viso attualmente.
    Ho pagato IMU come seconda casa a fine giugno. Come faccio a calcolare adesso IMU? 8 mesi seconda casa e 4 prima casa?

  5. Stefania78 scrive:

    Ho rogitato il 31 dicembre del 2011 l’acquisto della prima casa da adibire ad abitazione principale. Ho potuto fare il cambio di residenza solo nel mese di aprile, perchè mi trovavo all’estero per lavoro.
    Devo considerare prima abitazione solo da aprile?
    Grazie.

  6. Anonimo scrive:

    Lo stato dovrebbe vergognarsi

  7. Anonimo scrive:

    mi sono sposata da poco, ho una partita iva con sede legale in una casa dove ovviamente ho anche la residenza al momento, ma vorrei affittarla con un contratto regolare e mi hanno detto che in questo modo pur non essendo di mia proprietà la casa in cui vivo con mio marito e non avendo la comunione dei beni, la mia unica casa di proprietà diventerebbe comunque seconda casa. mi può confermare quanto mi hanno detto?
    grazie e buon natale

  8. Anonimo.....arrabbiato scrive:

    ho fatto il cambio di residenza…..prima ero in affitto…ora son tornata nell’abitazione che è mio al 50%…cosa devo fare, pagare IMU come seconda casa è da folli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy