esenzione-tariLa Tari è l’ultima tassa sui rifiuti dovuta per il pagamento del servizio di raccolta e di smaltimento dei rifiuti e che ad oggi sostituisce la precedente Tarsu. La condizione essenziale per la sua applicazione è la presenza di una superficie calpestabile di un immobile in grado di produrre rifiuti e in assenza di tale requisito, è possibile rientrare in una esenzione.

Cosa verificare per rientrare nell’esenzione della Tari?

Il contribuente è tenuto a verificare la presenza dei requisiti di legge prima di procedere al pagamento della tassa sui rifiuti, con una particolare attenzione verso la capacità o meno di produrre rifiuti. Vale a dire che ad esempio delle abitazioni prive d’impianti elettrici o idrici e di conseguenza non abitabili, non sono in grado di produrre rifiuti e di conseguenza sono escluse dall’obbligo d’imposta.

Possono inoltre essere considerati come casi di esenzione, anche ad esempio le parti condominiali come androne e scale di accesso, locali in cui temporaneamente non è possibile una produzione di rifiuti e locali come solai e cantine in cui vi è una reale impossibilità di poter produrre rifiuti in maniera autonoma.

Elementi aggiuntivi considerati dalla Commissione tributaria provinciale di Cosenza

L’esenzione della Tari su una parte specifica di un immobile come la soffitta, è stata inoltre oggetto di una recente sentenza della Commissione tributaria provinciale di Cosenza, che da un lato ha confermato la possibilità di considerare tale esenzione e da un altro lato, ha aggiunto alcune precisazioni.

In pratica non sarebbe possibile rientrare nell’esenzione della Tari solo perché si è possesso di una soffitta, ma è necessario anche che il proprietario dimostri la presenza di validi elementi per richiederne l’esenzione.

La legge n.507 del 1993 recita infatti che: “Non sono soggetti alla tassa, i locali e le aree che non possono produrre rifiuti o per la loro natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati, qualora tali circostanze siano indicate nella denuncia originaria o di variazione”.

Attenzione anche ai contenuti del Regolamento Comunale sui possibili casi di esenzione

Infine la Commissione Tributaria provinciale di Cosenza ha stabilito che un contribuente può richiedere l’esenzione dal pagamento della Tari sulla soffitta, solo se la stessa è in linea con eventuali e ulteriori requisiti di un regolamento Comunale.

Nel caso specifico presentato, infatti, il Regolamento Comunale prevedeva l’esclusione della tassa per le aree di soffitta con un’altezza pari o inferiore a 1,50 metri. E inevitabilmente tale requisito doveva essere sempre considerato per stabilire l’esenzione o meno della Tari sulla soffitta.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy