Credito d’imposta per incentivare il commercio elettronico in favore delle imprese agricole e ittiche. Sono stati infatti pubblicati qualche giorno fa in Gazzetta Ufficiale i due decreti del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali del 13 gennaio 2015.

Oggetto dell’agevolazione sono gli investimenti per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie e quelle per la realizzazione e l’ampliamento di infrastrutture informatiche finalizzate al potenziamento del commercio elettronico.

I beneficiari sono PMI del settore agroalimentare, pesca e acquacoltura anche costituite in forma cooperativa o riunite in consorzi, aderenti a un contratto di rete già in essere al momento della presentazione della domanda.

I costi agevolabili sono:
• le attività di consulenza e di assistenza tecnico-specialistica;
• la costruzione o il miglioramento di immobili;
• e l’acquisto di materiali e attrezzature;
• i costi per hardware e software inerenti il progetto di aggregazione in rete;
• l’acquisizione di brevetti, licenze, diritti d’autore e marchi commerciali;
• i costi di formazione sia dei titolari che dei dipendenti impegnati nel progetto,
• i costi per la promozione sul territorio nazionale e sui mercati internazionali dei prodotti della filiera;
• i costi per la pubblicità riguardante le attività della rete.

Per ottenere i bonus, gli interessati dovranno presentare apposita domanda telematica al Mipaaf, dal 20 al 28 febbraio dell’anno successivo a quello di realizzazione degli investimenti.