dipendente-e-gestione-separata-inpsBuongiorno, sono un lavoratore dipendente di un azienda privata. Ho aperto da poco una partita iva. Svolgo nel tempo libero l’attività di consulente informatico.
Il mio quesito è il seguente. Dal punto di vista previdenziale come mi devo comportare? Ho letto su internet che dovrei iscrivermi alla gestione separata Inps. E’ corretto o posso evitare la doppia contribuzione? Se sono tenuto all’iscrizione, come e quando versare i contributi?

 

Risposta

Salve, alla gestione separata inps si iscrivono i lavoratori autonomi che non hanno una cassa di appartenenza, come nel suo caso. Dovrà iscriversi entro 30 giorni dall’apertura della partita iva.
Verserà i contributi in percentuale al suo reddito.

Essendo lavoratore dipendente l’unico vantaggio è quello di poter versare i contributi con aliquota ridotta, attualmente al 18%. Verranno calcolati sull’utile. Si versano tramite mod. f24 alle stesse scadenze delle imposte sui redditi.

Tagged with →  
Share →

5 Responses to Dipendente e gestione separata inps: come e quando versare i contributi

  1. AUGUSTO scrive:

    SALVE, MA SE L’ATTIVITA’ DA SVOLGERE ERA DI TIPO COMMERCIALE CON REDDITO SUPERIORE RISPETTO A QUELLO DA DIPENDENTE, SI ERA TENUTI AD ISCRIVERSI ALLA GESTIONE COMMERCIANTI OPPURE ERA SUFFICIENTE QUELLA DA DIPENDENTE? SE SI ERA, EVENTUALMENTE, ESONERATI, COME CI SI DEVE COMPORTARE PER CANCELLARSI UNA VOLTA INVIATA LA PRATICA IN CCIAA? GRAZIE

    • Cristian Marra scrive:

      E’ sempre l’Inps che decide. In questo caso, a mio avviso, i contributi sono dovuti, perchè l’attività principale diventa quella con partita iva.

      • AUGUSTO scrive:

        Credo sia meglio scrivere all’Inps e farsi rispondere per iscritto onde evitare future richieste… Come posso scrivergli e farmi rispondere per iscritto?
        Grazie

  2. Danilo Paolucci scrive:

    Perché dite che l’aliquota della GS, per chi è già iscritto ad altra forma di previdenza, è 18%? Forse lo era qualche anni fa; oggi dovrebbe essere 22%.

  3. Cristian Marra scrive:

    Infatti l’articolo è del 2013. Giustamente come ha scritto lei nel 2014 l’aliquota è salita al 22%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy