Dal prossimo 12 marzo 2016, le dimissioni di un lavoratore potranno essere presentate solo online, completando un iniziale processo di riforma avviato con il decreto del Jobs Act e per ridurre un fenomeno come le dimissioni in bianco applicate da molte aziende, soprattutto nel caso di eventi come malattie più gravi e maternità che comportano una lunga astensione dal lavoro.

Procedura da seguire per la presentazione delle dimissioni online

dimissioni onlineFino alla nuova riforma del lavoro e della procedura di dimissioni on line, il lavoratore che voleva abbandonare volontariamente il proprio lavoro, poteva presentare delle dimissioni al datore di lavoro con una dichiarazione datata. Tuttavia, le più recenti indagini sui motivi che spingevano i lavoratori a dimettersi e in particolare nel caso di donne, indicavano che tale pratica spesso non era collegata ad una reale volontà di dimettersi e che tale modulo era stato già firmato in bianco all’atto dell’assunzione.

Con la nuova procedura delle dimissioni online approvate dal Jobs Act e valida già a partire dal prossimo 12 marzo 2016, invece, la presentazione delle dimissioni sarà contestuale e con maggiori tutele per il lavoratore che:

  1. Dovrà presentare direttamente e con la nuova modalità online, il nuovo modulo di dimissioni.
  2. Potrà delegare un terzo soggetto come il Caf per l’invio delle dimissioni on line.
  3. Dovrà trasmettere sempre on line il modulo delle dimissioni alla direzione territoriale del lavoro,ossia con una maggiore tracciabilità della data.

Inoltre, il datore di lavoro non interviene direttamente nella fase di presentazione delle dimissioni on line e sarà tenuto solo a ricevere telematicamente (con ad esempio una pec) il modulo compilato dal lavoratore.

Come richiedere le dimissioni online con le nuove procedure attivate

Nel decreto legislativo numero 151 del 2015, sono tra l’altro inserite le procedure formali per le dimissioni on line che dovranno essere avviate dal lavoratore a partire dal prossimo 12 marzo 2016, ossia di:

  1. Richiesta del Pin all’Inps e dei dati per accedere al portale di cliclavoro.
  2. Utilizzare la procedura on line che sarà attivata sul sito del Ministero del lavoro.
  3. Compilare il modulo on line con tutti i dati richiesti per procedere alla presentazione ufficiale delle dimissioni.
  4. Salvataggio del modulo e invio sempre in modalità telematica alla Direzione territoriale del lavoro e al proprio datore.

Il lavoratore, inoltre, ha tempo sette giorni dalla suddetta richiesta per ritirare la presentazione delle dimissioni on line o richiedere l’intervento di un soggetto abilitato come il Caf per saltare la prima fase e affidarsi a soggetti più esperti per una corretta esecuzione delle nuove procedure per le dimissioni on line.