La dichiarazione IMU deve essere presentata entro 90 giorni dall’evento che ha modificato la situazione degli immobili. O comunque, che è rilevante ai fini tributari. C’è da precisare, che restano confermate le denunce Ici già presentate e l’esonero dall’obbligo di dichiarazione dei dati risultanti dal sistema d’interscambio catastale. In sostanza, se il comune ha già le informazioni utili a calcolare l’imposta IMU che contribuente deve versare, questi non dovrà presentare la dichiarazione IMU.

La dichiarazione IMU dovrà essere presentata anche dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali e in tutti quei casi in cui il comune non ha le informazioni necessarie per verificare il tributario.

Un decreto del Ministero delle Finanze, ad ogni modo, specificherà tutti i casi in cui dovrà essere presentata la dichiarazione IMU.

In merito al modello per la dichiarazione IMU, gli emendamenti alla Legge di conversione del D.L. 16/2012, demandano l’approvazione all’uscita di un decreto del Ministero e stabiliscono, per gli immobili posseduti dal primo gennaio 2012, che la dichiarazione debba essere fatta entro fine luglio 2012.

L’emendamento prevede un regime transitorio per gli immobili posseduti al primo gennaio 2012, per i quali la dichiarazione potrà esser presentata entro il 31 luglio 2012.

Sempre secondo l’emendamento, restano valide le indicazioni del decreto legge 223/2006, ovvero della norma che fa venire meno l’obbligo di dichiarazione quando gli elementi dell’imposta dipendono da atti per il quali sono applicabili le procedure previste dall’articolo 3-bis del D.Lgs. 463/1997 (cioè relativo al MUI, la disciplina del Modello Unico Informatico, utilizzato dai Notai).

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy