Ci sono detrazioni IMU per figli a carico che studiano all’università? È una domanda inviatami almeno dieci volte. Quindi colgo l’occasione per rispondere con un breve post.

Le detrazioni non dipendono dallo stato del figlio, in questo caso studente, ma dall’età. Le detrazioni IMU, infatti, sono attribuite sull’ammontare dell’IMU solo se i figlio hanno età inferiore a 26 anni, ed esclusivamente per l’abitazione principale.

È bene riepilogare le caratteristiche dell’imposta.

L’aliquota IMU per l’abitazione principale è dello 0,4%.

I Comuni possono modificare la stessa, in aumento o diminuzione, sino a 2 punti percentuali.

Dall’imposta per l’abitazione principale si detraggono (“fino a concorrenza dell’ammontare”) 200 euro rapportati al periodo dell’anno durante il quale si protrae tale destinazione.

Per il 2012 e il 2013, la detrazione è maggiorata di 50 euro per ciascun figlio di età non superiore a 26 anni, purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’unità immobiliare.

C’è da precisare anche che i Comuni possono disporre l’elevazione dell’importo della detrazione, fino a concorrenza dell’imposta dovuta, nel rispetto dell’equilibrio di bilancio. In questi caso, il Comune che ha adottato detta deliberazione non può stabilire un’aliquota superiore a quella ordinaria per le unità immobiliari tenute a disposizione.