Ricapitoliamo cosa prevede la normativa per la detrazione IMU.

Dall’IMU da versare per l’abitazione principale e le relative pertinenze si detraggono (“fino a concorrenza del suo ammontare“), 200 euro. Tale somma deve essere rapportata al periodo dell’anno durante il quale si protrae tale destinazione.

Detrazione imu figli a carico

detrazione imu figli a caricoPer quest’anno e per il 2013 è prevista anche una detrazione aggiuntiva di 50 euro per ogni figlio di età inferiore a 26 anni, a patto che dimori abitualmente e risieda anagraficamente nell’abitazione principale.
La detrazione totale può arrivare a 400 euro. E può anche azzerare l’imposta, ma non può creare un credito.

Per usufruire della detrazione sui figli è richiesto che essi siano conviventi e abbiano la residenza nell’immobile, ma – precisiamo – non è necessario che siano fiscalmente a carico.

Le detrazioni devono essere ripartite per i mesi dove le condizioni sopra descritte sono soddisfatte. Con uno scarto di 15 giorni. Come per l’Ici, in sostanza.

Infine, la detrazione dovrà essere ripartita in base al numero delle rate scelte (due o tre).