ScreenHunter_342 Sep. 18 09.14In questo articolo riassumiamo brevemente le dieci novità principali del Decreto del Governo Letta che comprende ben 80 interventi economici, per fare fronte alla crisi del nostro Paese:

IMPIGNORABILITA’ DELLA PRIMA CASA
Per chi ha debiti con il fisco fino a 120 mila euro non sarà più possibile pignorare la prima casa, a meno che non sia estremamente lussuosa. Questo provvedimento va a tutelare le fasce di popolazione senza averi rilevanti, in caso di mancato pagamento di tasse, infatti, l’immobile non potrà essere pignorato e messo all’asta, non sottraendo cosi alle famiglie un bene primario come l’abitazione.

EQUITALIA PIU’ “MORBIDA”
Equitalia diventa meno intransigente, infatti il nuovo decreto stabilisce che i cittadini che sono in difficoltà con il fisco potranno rateizzare i propri debiti in 120 rate e non più solo in 72, quasi il 70% di tempo in più e con interessi bassi. Si potranno saltare fino a otto rate contro le due attuali, anche non consecutive, prima che decada il beneficio della rateizzazione.

BOLLETTE ELETTRICHE MENO SALATE
Taglio di 550 milioni sulla bolletta elettrica a vantaggio dei consumatori, il Governo ha cancellato dalle bollette 135 milioni di costi che saranno spostati a carico delle società che operano nelle energie rinnovabili e che hanno un imponibile maggiore di 40 mila euro e ricavi superiori a 200 mila euro.

TASSI AGEVOLATI ALLE PICCOLE IMPRESE
Banche e Cassa prestiti e depositi potranno concedere alle imprese fino a 5 miliardi di prestiti con tasso agevolato per l’aquisto di macchinari, impianti e attrezzature a uso produttivo. I finanziamenti saranno concessi entro il 2016, con durata massima di 5 anni e per un valore massimo di 2 milioni di euro per ciascuna impresa.

SOSTEGNO ALL’EDILIZIA E ALLE INFRASTRUTTURE
3 miliardi di euro destinati alle opere pubbliche già avviate con un cantiere come la Metropolitana di Milano, Roma, Napoli, che creearanno 30 mila posti di lavoro. I soldi sono stati reperiti sospendendo i finanziamenti per altre opere come la Tav Torino-Lione o il Ponte sullo stretto di Messina; inoltre il documento di regolarità contributiva (Durc) viene allungato a sei mesi.

AIUTI ALLA NAUTICA
Un sostegno alle classi più abbienti nel settore della nautica, viene abolita la tassa sul lusso introdotta dal Governo Monti sulle imbarcazioni per rilanciare la nautica da diporto in forte crisi.Ridotta l’imposta sulle imbarcazioni fino a 20 metri che si azzera del tutto per i natanti fino a 14 metri. Da 14 a 17 metri l’importo scende da 1.740 a 870 euro, da 17,01 a 20 da 2.600 a 1.300.

INNOVAZIONE E RICERCA
Costituito il fondo per “i grandi progetti per l’innovazione e la ricerca” con 50 milioni di euro per il 2013 e altri 50 per il 2014.

ITALIA AL DIGITALE
La Presidenza del Consiglio seguirà direttamente il lavoro per lo sviluppo dell’Agenda per l’Italia digitale e per il nuovo desk per l’attrazione degli investimenti esteri. Il lavoro sarà affidato al commissario di governo Francesco Caio, che ha il compito di incrementare l’attuazione dell’Agenda digitale. Liberalizzato il mercato dei collegamenti wi-fi e sarà possibile chiedere una casella di posta elettronica certificata per dialogare con le amministrazioni pubbliche.

BONUS AGLI STUDENTI MIGLIORI
Denominato “Borse per la mobilità” hanno un plafond di 19 milioni di euro. Sono stati pensati per agevolare studenti che in base al merito, vogliono iscriversi nell’anno accademico 2013-2014 a corsi di laurea, anche magistrali, in università statali o non statali, (non telematiche) fuori regione. E’ stato inoltre sbloccato il turn over liberando 1.500 posti per professori ordinari e 1.500 per nuovi ricercatori.

NUOVE DATE PER METTERSI IN PARI CON IL FISCO
Da quest’anno saranno solo due i giorni: 1 gennaio e 1 luglio, le scadenze per gli italiani nei confronti dell’erario per tutte le norme stabilite fino a quel momento.