La legge di Stabilità 2016 ha abolito il regime dei minimi e modificato quello forfettario rendendolo sicuramente molto vantaggioso per chi devi aprire la partita iva. Vediamo quando conviene il regime forfettario.

5 motivi per cui conviene il regime forfettario

conviene il regime forfettario
1) Tassazione agevolata al 5% per i primi cinque anni di attività. Dopo questo periodo la tassazione sale al 15%. Si tratta di un’imposta sostituita dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunicali. Non si versa Iva, non si paga neanche l’Irap.

2) Riduzione dei contributi previdenziali per artigiani e commercianti che potranno beneficiare di una diminuzione del 35%.

3) Non si è soggetti agli Studi di Settore, fattore da non trascurare per quei piccoli contribuenti che hanno un basso fatturato e hanno difficoltà ad essere congrui alle risultanze di Gerico.

4) Gestione contabile molto snella. Si è infatti esonerati dalla tenuta delle scritture contabili, dalla tenuta dei registri iva. Questo vuol dire quindi risparmiare sul commercialista.

5) Evitare il cumulo dei redditi da lavoro dipendente e partita iva per chi svolge una doppia attività.

E’ bene ricordare anche che nel regime forfettario il reddito su cui calcolare l’imposta da versare viene calcolato forfettariamente applicando dei coefficienti di redditività che variano in base all’attività svolta.

Coefficiente redditività

 

 

 

 

Di conseguenza gli unici costi deducibili dal reddito sono i contributi previdenziali. La convenienza ad aderire a questo regime risulta quindi maggiore per quelle attività che hanno pochi costi da dedurre.

Come aderire al regime forfettario

Per aderire al regime forfettario il contribuente deve esprimere la volontà barrando l’apposita casella nella dichiarazione di inizio attività, anche se come per il vecchio regime dei minimi vale sempre il cosiddetto comportamento concludente, che si manifesta non addebitando l’IVA sulle fatture emesse e non detraendo quella sugli acquisti.

I contribuenti che invece hanno i requisiti per aderire ma preferiscono il regime ordinario devono esercitare l’opzione per l’applicazione dell’IVA e delle imposte sui redditi nei modi ordinari, opzione valida per un triennio da esprimere nella prima dichiarazione iva.