Il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 29 luglio 2015 è ormai pronto alla prossima pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e alla formalizzazione delle modalità di attivazione dei contratti di Sviluppo 2015 e 2016 per le Regioni del Sud, con nuove risorse economiche pari a 300 milioni di euro per programmi specifici a tutela ambientale, turistica e commerciale.

Requisiti imprese per attivazione nuovi contratti di sviluppo

I contratti di sviluppo 2015 e 2016 promossi per le Regioni del Sud come Basilicata, Puglia, Sicilia, Campania e Calabria, sono dei nuovi strumenti a favore delle imprese residenti in zone considerate svantaggiate e per superare tali condizioni con incentivi specifici. Le imprese del Sud che desiderano beneficiare di questa importante possibilità concessa dal Mise, sono tenute alla presentazione di una domanda telematica sul portale web Invitalia e possedere alcuni requisiti obbligatori come:

  • Non ricezione di precedenti aiuti economici Statali o da parte dell’Unione Europea.
  • Essere regolarmente iscritte nel Registro delle imprese e non essere in situazione di liquidazione volontaria.
  • Rispettare il programma di sviluppo collegato al settore di appartenenza.

Rispetto a quest’ultimo punto occorre attuare alcune precisazioni che le imprese del Sud Italia sono tenute a rispettare per l’approvazione della domanda e la concessione dell’incentivo. Ad esempio se si tratta di settori di tutela ambientale, i suddetti programmi devono avere come obiettivo principale la salvaguardia dell’ambiente.

Mentre se si tratta di settori turistici o commerciali, i suddetti programmi devono avere come obiettivo principale di migliorare la relativa offerta turistica. In altri casi, inoltre, sono ammesse misure volte a creare opere infrastrutturali previste nel programma di sviluppo.

Registrazione e risorse guida sul portale Invitalia per la compilazione delle domande

Fermo restando l’appartenenza al settore di tutela ambientale, turistico o commerciale e i precedenti requisiti soggettivi, le imprese del Sud (Basilicata, Puglia, Sicilia, Campania e Calabria) possono presentare sul portale Invitalia la domanda telematica per accedere ai programmi di sviluppo. E’ richiesta una prima registrazione con l’indicazione della propria mail sulla piattaforma Invitalia e successivo accesso all’area specifica per compilare e presentare la domanda on line.

Sono inoltre presenti sul sito Invitalia anche sezioni utili per una corretta compilazione della domanda, i moduli di proposta di programmi di sviluppo nei settori di appartenenza e la dichiarazione requisiti generali.  Vi ricordiamo che ad oggi, è già possibile presentare una domanda di adesione in presenza dei requisiti e in attesa delle nuove risorse economiche pari a 300 milioni di euro, per programmi specifici a tutela ambientale, turistica e commerciale.