Dalle ultime settimane di giugno è partita la trasmissione dati all’Agenzia delle Entrate,  inerente tutti i conti correnti degli italiani con una procedura denominata SID ” Sistema Informatico dati ” gestito da Sogei, il provvedimento viene attuato nel rispetto del  diritto alla privacy. Infatti il SID è un sofisticato sistema di interscambio dati  autonomo e non collegato ad altri sistemi di interscambio, basato sul principio telematico del “application to application” cioè tutti i dati finanziari sono  trasmessi tramite file criptati e senza  intervento umano, gli istituti di credito trasmettono i movimenti bancari e finanziari di tutti i titolari di un conto corrente bancario o più conti, relativi al 2011, e tutti i saldi relativi ad essi,  di fine e inizio anno e la somma di tutti i movimenti in dare e avere. Tutte le informazioni riguardanti il 2011 dovranno essere trasmesse entro il 31 ottobre 2013,  mentre quelle riguardanti il 2012 entro il 31 marzo 2014.

Con questa metodologia criptata sono controllati non solo i conti bancari ma anche i conti deposito, i titoli e le obbligazioni, i depositi a risparmio e i depositi vincolati, tutti i fondi comuni, i fondi derivati, le gestioni patrimoniali, i fondi pensione, gli “acquisto e vendite” di oro e preziosi e le cassette di sicurezza. L’anagrafe tributaria  è un archivio istituito dal decreto Salva Italia nel 2011 dove confluiscono tutti i dati relativi ai rapporti che intercorrono tra i contribuenti e gli istituti finanziari, viene cosi aggiornata di dati sensibili cioè i dati contabili,  e non solo di nomi e codici fiscali, questo consente al Fisco di confrontare poi le dichiarazioni di reddito  di ogni cittadino con gli effettivi averi del medesimo e smascherare cosi tutti gli evasori. Tutte le incongruenze che verranno rilevate tra i dati contabili e le dichiarazioni dei reditti degli italiani, metteranno i contribuenti in una lista di ulteriori controlli a cui seguiranno le opportune sanzioni.