La liquidazione Iva del prossimo 16 Marzo risulta essere la prima possibilità di utilizzare il credito che risulta dalla dichiarazione annuale in forma autonoma presentata entro il 28 Febbraio. L’incrocio di compensazioni orizzontali e richieste di rimborsi (vedi anche rimborsoiva.net)  impone in ogni caso un doppio controllo mirato soprattutto ad individuare il superamento delle singole soglie, le quali rispondono a criteri non omogenei.

In materia di rimborsi occorre tenere conto del D. Lgs n. 175 del 2014, il quale stabilisce che le richieste di restituzioni superiori a 15 mila euro richiedono comunque la prestazione della garanzia o l’apposizione del visto di conformità e una dichiarazione sostitutiva di atto notorio in merito alla solidità patrimoniale, continuità aziendale e regolarità contributiva. Inoltre il criterio della soglia deve essere considerato per un periodo di imposta e non per la singola richiesta (prestando inoltre particolare attenzione per i casi di eccedenza a credito sia chieste a rimborso sia utilizzate in compensazione).

Al riguardo la circolare n. 32/E precisa che le richieste di rimborso che eccedono i 15 mila euro sono comunque condizionate al visto di conformità rilasciato da parte di un professionista abilitato e della dichiarazione di prestazione della garanzia. In ogni caso la soglia non deve essere considerata per singola richiesta di rimborso ma bensì sulla dichiarazione annuale; quindi nel caso si presentino tre modelli TR con richieste di rimborso per 5 mila euro ad istanza, il visto dovrà essere apposto esclusivamente sulla dichiarazione annuale, in quanto è quest’ultima che raggiunge quota 15 mila euro.

Per quanto concerne l’utilizzo dei crediti iva l’articolo 10 del Dl 78 del 2009 stabilisce l’apposizione del visto esclusivamente nel caso in cui venga utilizzato il credito in compensazione orizzontale per un importo superiore a 15 mila euro. Da notare che la norma fa esclusivamente riferimento ai crediti da dichiarazione visto che al tempo non occorreva inviare il modello TR ( si renderebbe pertanto necessario un intervento legislativo al riguardo).

Guest post by www.fiscosemplice.com