E’ la domanda del giorno. Ed ecco la risposa…

La risposta è che l’IMU si applica anche sugli immobili in comodato d’uso gratuito. Il decreto Monti, infatti, ha cancellato la disposizione dell’ICI che consentiva di assimilare all’abitazione principale gli immobili concessi ad uso gratuito.

Quindi, le unità immobiliari date in comodato d’uso gratuito sono considerati come diversi dall’abitazione principale.

Ergo, sono imponibili con un’aliquota IMU ordinaria (0.76%).

Una bella botta, ad esempio,  per quelle famiglie che concedevano la seconda casa in comodato al figlio/a. Infatti, se il figlio/a ha anche la residenza in quella casa ed ha un’età inferiore a 26 anni, il proprietario perde pure la detrazione di 50 euro.