come-sanare-l-omessa-dichiarazione-dei-redditiSe avete dimenticato di presentare il modello Unico entro il 30 settembre, si può ancora sanare la propria posizione con il fisco, ricorrendo a quello che si chiama ravvedimento operoso.
Entro 90 giorni, infatti, e cioè entro il 29 dicembre, basterà pagare una sanzione pari a 1/10 di 258 euro, e cioè 25 euro e presentare la dichiarazione dei redditi.
L’Agenzia delle Entrate ha chiarito nella Circolare 19.6.2002, n. 54/E, e ribadito nella Circolare n. 11/E/2008, che la sanzione è dovuta per ciascuna dichiarazione non presentata.
Per capirci, se il contribuente oltre a non aver presentato la dichiarazione dei redditi ha omesso la dichiarazione iva sarà tenuto al versamento di 50 euro (25*2).
Per gli studi di settore nulla è dovuto poiché non viene considerata dichiarazione autonoma, essendo parte integrante della dichiarazione dei redditi.

Per quanto riguarda la dichiarazione Irap vale quanto detto per la dichiarazione dei redditi. Stessa scadenza, quindi entro il 29 dicembre e stessa sanzione (25 euro).

Ai fini del versamento della sanzione ridotta, si compila il modello F24 indicando il codice tributo 8911 e il periodo di riferimento.

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy