commercio-elettronico-prodotti-alimentari-requisitiLa tipologia di beni da vendere virtualmente in una tipica attività di e-commerce, può incidere su alcuni aspetti amministrativi obbligatori per legge e su un eventuale richiesta di un locale fisico in cui è presente la merce o frequentazione di corsi specifici.

E-commerce e tipologie principali presenti nel settore

Un obbligo di disporre di un locale fisico per la vendita sulle logiche dell’e-commerce, poggia ad esempio sul tipo di attività svolta e in una più classica differenza tra commercio elettronico diretto e indiretto.

Nel primo caso, parliamo di prodotti completamente digitali, come una applicazione (nota ai più come app) ebook (ossia libri digitali) o software di aggiornamento, ossia tipici servizi realizzati e forniti direttamente on line e per i quali l’obbligo di un locale fisico non sussiste.

Nel secondo caso, invece, parliamo di prodotti reali legati ad esempio all’abbigliamento, all’elettronica, agli alimentari, spediti al domicilio del cliente che esegue il relativo ordine e per i quali sono previsti diversi adempimenti amministrativi.

 Adempimenti più specifici per la vendita on line di alimenti e bevande 

Anche se non vi è in generale un obbligo di dover disporre di un locale specifico per la conservazione dei prodotti mediante l’e-commerce, soprattutto laddove si faccia riferimento ad elementi creati e distribuiti sul digitale (ebook, app, software di aggiornamento) è opportuno comunque controllare quanto evidenziato dalla normativa sulla base del prodotto specifico da voler vendere mediante l’e-commerce.

In particolare, tale verifica è opportuno attuarla nel caso di prodotti più specifici del settore alimentare, venduti mediante un canale dell’e-commerce e per i quali l’esenzione generica vista in precedenza non è valida. In questo caso, infatti, parliamo di prodotti che potrebbero con il passare del tempo essere deperibili e venduti in modo alterato in termini di qualità, e per i quali è opportuno avere una giusta preparazione in materia e locali consoni alla corretta conservazione.

Inoltre, se la vendita riguarda alimenti e bevande (anche on line) è obbligatorio frequentare un corso professionale relativo allo svolgimento di un’attività di somministrazione di alimenti e bevande e aver lavorato in imprese del suddetto settore.

In pratica per avviare un’attività di e-commerce è importante:

  • Verificare gli adempimenti di legge previsti per lo specifico bene oggetto della propria attività di e-commerce.
  • Per la vendita di alimenti e bevande on line con l’e-commerce, frequentare un corso professionale per il corretto svolgimento della attività di somministrazione e disporre di locali idonei per la conservazione di prodotti più delicati.
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy