cassa-integrazione-jobs-actCassa integrazione e “tutele crescenti in relazione all’anzianità di servizio” in cambio della soppressione dell’articolo 18. Sono questi i due punti fondamentali che riguardano la riforma del lavoro in discussione in queste ore in parlamento.

Del contratto a tutele crescenti ne abbiamo già parlato in un precedente articolo, vedi qui: contratto a tutele crescenti“.
Soffermiamoci ora sulle possibile modifiche allo studio del governo Renzi sulla riforma della cassa integrazione guadagni (Cig).

Cosa succede se l’impresa cessa l’attività?
Nel caso l’impresa cessa l’attività o cede un ramo di esso, il lavoratore non può accedere alla cassa integrazione.

La procedura per accedere alla Cig diventa più snella, con l’utilizzo di strumenti telematici, sempre in un’ottica di maggiore semplificazione.

Le imprese potranno accedere alla Cig solo se avranno verificato prima tutte le altre procedure di riduzione dell’orario di lavoro, come per esempio i contratti di solidarietà.
Allo studio anche la possibilità di rivedere i periodi e i contributi con la quale finanziarla.

Il governo si impegna anche a far partire i fondi di solidarietà già previsti dalla riforma Fornero e non ancora avviati. Si tratta di ammortizzatori sociali previsti per quelle aziende che non possono accedere alla Cig.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy