Il cosiddetto decreto Salva Italia stabilisce che le aziende, nella dichiarazione dei redditi, debbano indicare il numero di abbonamento RAI speciale e la categoria di appartenenza. Lo scopo è l’applicazione della tariffa di abbonamento e la verifica del pagamento del canone.

Ricordo che n base alla legge sono tenuti a versare il canone RAI speciale coloro che hanno uno o più apparecchi “atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive in esercizi pubblici, in locali aperti al pubblico o comunque fuori dell’ambito familiare o che li impiegano a scopo di lucro diretto o indiretto”.

Dove indicare questi dati? È semplice nella sezione del quadro relativo di Unico PF 2012.
Nel frontespizio dell’UNICO PF 2012 è stata inserita una casella ad hoc, che dev’essere compilata dai contribuenti che esercitano attività d’impresa, indicando: codice 1 qualora detengano uno o più apparecchi atti alla ricezione di trasmissioni radio; codice 2 qualora detengano uno o più apparecchi atti alla ricezione di trasmissioni radiotelevisive; in esercizi pubblici, locali aperti al pubblico o nel caso in cui siano impiegati a scopo di lucro diretto o indiretto. Diversamente, se il contribuente non detiene alcun apparecchio deve indicare il codice 3.

Ricordo, infine, che il canone è obbligatorio per imprese e società che hanno in possesso di personal computer solo nel caso in cui siano utilizzati come televisori (digital signage) e che non va corrisposto se tali imprese hanno già provveduto al pagamento per il possesso di uno o più televisori.

Sono esclusi i lavoratori autonomi.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy