partita-iva-muratoreVediamo quali sono gli adempimenti da porre in essere per avviare un’attività di muratore. Premetto che si tratta di attività artigiana.

Aspetti burocratici
1) Aprire partita iva. I codici attività sono:
43.39.01 Attività non specializzate di lavori edili (muratori)
43.39.09 Altri lavori di completamento e di finitura degli edifici nca.

2) Iscriversi all’Inail. Come detto si tratta di attività artigiana. Il premio annuo da versare si aggira intorno ai 600 euro.

3) Iscriversi all’’Albo Artigiani tenuto presso la Camera di Commercio. Costi di iscrizione circa 130 euro.

Aspetti previdenziali
Dal punto di vista previdenziale il titolare viene iscritto nella gestione Artigiana dell’Inps. Attualmente i contributi da pagare ammontano a circa 3.450 euro annui.

Aspetti fiscali
L’attività può essere esercitata con regime contabile ordinario, semplificato o minimo. Il regime determina in poche parole le tasse da pagare sui redditi. Con il semplificato o l’ordinario si versano l’Irpef e relative addizionali, Irap, Iva, mentre con il regime dei minimi un imposta fissa del 5%.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy