Sta per arrivare il termine per la presentazione della domanda di riparto sul 5 per mille.

È fissato, infatti, al 7 maggio l’ultimo giorno utile per gli enti di volontariato con qualifica di Onlus e/o iscritti al Registro Regionale del Volontariato e per le associazioni sportive dilettantistiche per presentare la domanda d’iscrizione all’Agenzia delle Entrate.

Domanda che, lo ricordiamo, deve essere fatta esclusivamente in modalità telematica.

Un elenco provvisorio, per come comunicato dall’Agenzia delle Entrate, dovrebbe essere pubblicato il 14 maggio.

Chi può iscriversi? I soggetti che possono iscriversi ce li evidenzia l’Agenzia delle Entrate, scrivendo: “Per l’anno finanziario 2012, il 5 per mille è, pertanto, destinato, nel dettaglio, a sostegno delle seguenti finalità:

sostegno degli enti del volontariato:

– finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università;
– finanziamento agli enti della ricerca sanitaria;
– sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di residenza del contribuente;
– sostegno alle associazioni sportive dilettantistiche riconosciute ai fini sportivi dal Coni a norma di legge che svolgono una rilevante attività di interesse sociale;
– enti del volontariato di cui alla legge 266 del 1991:

  1. Onlus – Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (articolo10 del Dlgs 460/1997) – pdf;
  2. associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e provinciali (articolo 7, commi da 1 a 4, legge 383/2000 ) – pdf;
  3. associazioni riconosciute che operano nei settori indicati dall’articolo 10, comma 1, lettera a) del Dlgs 460/1997 – pdf;
  4. fondazioni riconosciute che operano nei settori indicati dall’articolo10, comma 1, lettera a) del Dlgs 460/1997 – pdf.

A decorrere dall’anno finanziario 2012 (articolo 23, comma 46, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111), tra le finalità alle quali può essere destinata, a scelta del contribuente, una quota pari al cinque per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche è inserita, altresì, quella del finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici. Con decreto di natura non regolamentare del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per i beni e le attività culturali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, sono stabilite le modalità di richiesta, le liste dei soggetti ammessi al riparto e le modalità di riparto delle somme”.

C’è da segnale, poi, che la domanda valevole ai fini del riparto delle somme relative al cinque per mille degli esercizi finanziari 2009, 2010 e 2011, ha subito una “dilazione” per quanto riguarda i termini.

Sono prorogati al 31 maggio 2012, infatti, i termini per l’integrazione documentale delle domande d’iscrizione regolarmente presentate dai soggetti di cui all’art. 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 aprile 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 133 dell’11 giugno 2009, e all’art. 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 aprile 2010, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 131 dell’8 giugno 2010.

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti pubblicati nel blog

TROVA-FINANZIAMENTI

RICHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Inserire il codice di sicurezza
captcha
Accetto la politica privacy